A tre anni di distanza il nuovo album de IL VOLO DI COLIN. Un capolavoro della musica indipendente.

0

A tre anni dal primo EP della band romana, il 21 Settembre 2018 esce su tutte le più importanti piattaforme digitali il nuovo album de Il Volo di Colin.

SOGNATORE SVEGLIO”, un Concept album coinvolgente che racconta la vita, le storie e gli stati d’animo di un musicista talentuoso, che scopre come la follia non è altro che la normalità che ha raggiunto la perfezione.

“CI siamo concessi un bellissimo viaggio musicale, realizzato con tempi e atmosfere ispirati alle produzioni anni ‘70” racconta Max Arigoni, front man e autore dei testi della Band. “Siamo partiti da Henry, il brano che dà l’incipit a tutto l’album, poi da lì è stato un flusso di idee che ci ha portato a realizzare una storia un po’ surreale, un racconto in 13 tracce, ognuna delle quali rappresenta una tappa nella vita del protagonista.

“Abbiamo curato ogni dettaglio di questo lavoro secondo il nostro gusto. Questo forse vuole dire non badare troppo al mercato e alle mode del momento, ma il risultato è quello che volevamo: questo album rappresenta chi siamo al 100%”. Paolo Pallotto autore delle musiche e chitarrista della band, è orgoglioso di un lavoro che guarda ai nostri giorni ma con una forza che arriva dalle atmosfere del progressive Rock. “Sono molto legato a quegli anni e a quei suoni che abbiamo cercato di trasferire dentro questo lavoro senza però rinunciare del tutto alla musicalità più pop e convenzionale”

Nei prossimi giorni sarà pubblicato sui Digital store.

Anche Renato Segatori, il bassista del gruppo, non nasconde il suo amore per suoni vicini ai Genesis: “PrometeoCammino in equilibrio, Isola, Il canto, sono brani che condividono il Dna col miglior progressive britannico” – rivendica con orgoglio, senza però dimenticare Il più normale, Prova a prendermi, Boom. – “canzoni più d’impatto, ti colpiscono subito”

“Il folle è un sognatore sveglio, scrisse il filosofo tedesco Immanuel Kant” – aggiunge la voce solista Max Arigoni – “una frase che mi ha sempre colpito e che mi ha ispirato per la scrittura di tutto l’album”.

“Nella mia personale accezione la follia è la normalità che ha raggiunto la perfezione. Henry capisce che per esprimere al meglio il suo talento, deve dare sfogo al suo istinto e uscire dalla zona di confort per rendere al massimo. Nella sua storia, si assisterà ad un radicale cambiamento dell’uomo e dell’artista”

Share.

About Author

Comments are closed.

Close
Aiutaci a diffondere la musica italiana emergente
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.