Recensione: OLTRE – TARTAGLIA ANAEURO

0
Salvatore Imperio

di Salvatore Imperio

“Oltre” è il nuovo disco di Tartaglia Aneuro distribuito da iCompany.

Ascoltarlo è incredibilmente emozionante sin dall’intro strumentale della stessa “Oltre” che non dà scampo e rapisce tra le note e i testi diretti ed empirici.

Undici canzoni dal grande sound, con la voce di Andrea Tartaglia e le percussione e le chitarre di Salvio “Skazzi” La Rocca, Paolo “Cane” Cotrone, Matt “Seed” Cusano, Federico Palomba che non fanno mai stancare di ascoltare questi ragazzi e le loro canzoni impreziosite da collaborazioni importanti come  Daniele Sepe, O’ Zulù e Ciccio Merolla.

“Oltre” è disponibile su Spotify.

Dal sociale a leoni che rappresentano tanta gente di cui non vi svelerò a quale posizione sociale sono inseriti, posso solo dire che è un grande album e anche gli ascolti su Spotify li stanno premiando alla grande.

L’area partenopea, come sempre, riesce a regalare talenti e promesse che, in questo caso, diventano fondamentali per il rilancio della musica italiana.
In “Leggi armate”, arriva di tutto, la forza di O’Zulu e il sound incredibilmente coinvolgente.

Possono diventare tranquillamente i grandi trascinatori della musica italiana fatta dai figli di Partenope che non deludono mai e tra i Tartaglia Aneuro e i Foja ci sarà una grande onda musicale che sbaraglierà la musica da “blockbuster”.

Per tutto il resto non vi starò qui a raccontare le canzoni di “Oltre” perchè va ascoltato in tutte le sue 11 canzoni.

Share.

About Author

Comments are closed.

Close
Aiutaci a diffondere la musica italiana emergente
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.