MUSICA ITALIANA EMERGENTE intervista la band marchigiana degli EGO 3

0
MUSICA ITALIANA EMERGENTE intervista la band marchigiana degli EGO 3
Vota questo articolo

Gli Ego 3 sono una delle band da tener d’occhio per il futuro.

La band di Recanati ha pubblicato il suo primo album intitolato “Fuga” che ha attirato non poco l’attenzione della squadra di Musica Italiana Emergente.

Piuttosto che dargli spazio con una recensione che sarebbe stata probabilmente troppo soggettiva, vogliamo farvi conoscere e farvi incuriosire sul percorso artistico di questi ragazzi di Recanati.

L’intervista agli Ego 3

Ciao ragazzi, come è nata la band degli Ego 3?
Ciao!
La band è nata come progetto solista di Jonathan Banchetti, il cantante e chitarrista del gruppo.
Dopo alcune idee si sono aggregati Mattia Rugiano alla tastiera e Alessandro Carletti al basso, formando il primo nucleo del gruppo e iniziando a lavorare sui pezzi che ora fanno parte del nostro primo album.
Solo dopo si è aggiunto anche Emanuel Accattoli alla batteria, che ci ha permesso di rendere più solidi ed efficaci i pezzi dal vivo, dandogli un taglio nettamente più rock.

Domanda fin troppo ovvia ma sono molto curioso: come mai la scelta di chiamarvi “Ego 3”?
È una domanda quasi difficile!
Come accade spesso e volentieri, i primi mesi non avevamo proprio un nome.
Si è scelto poi EGO vista l’iniziale forma di progetto solista e per il fatto che i testi sono per lo più in prima persona. Però come il progetto è diventato più “band” e meno solista e dopo una prima prova del nome, fin troppo utilizzato, si è scelto per EGO 3.

In realtà il numero non ha un vero e proprio significato, tre sono le lettere di “EGO” e le spade nel logo, realizzato per gioco almeno sei-sette anni fa senza uno scopo preciso, anche se casualmente, nonostante momenti a quattro le formazioni più stabili degli EGO 3 sono tutte composte da sole tre persone.

“Fuga” è il vostro primo album e da quello che ho potuto leggere su di voi, è stato un album travagliato in senso positivo. Sembrava quasi che non vi accontentaste mai di come venivano fuori brani. Ma non sarete mica perfezionisti?
Il rischio del perfezionismo c’è stato eccome!
È stata una lavorazione molto lunga, anche per il netto cambio di genere rispetto alle esperienze passate dei musicisti.
Ci son stati diversi brani scartati, tentativi di arrangiamento falliti e via discorrendo.
Persino i testi hanno avuto una lunga lavorazione, in quanto una delle poche regole del progetto è che ogni album sia un Concept, con una trama continuativa raccontata tra le varie canzoni.
Dopo questa lenta fase iniziale ora siamo molto più veloci a lavorare sui nuovi pezzi e sulla musica che facciamo dal vivo.

“Commissario” è il primo singolo estratto dall’album. Di cosa parla questa canzone?

Commissario è un piccolo cambio di prospettiva rispetto al racconto, tendenzialmente univoco, di FUGA.
Racconta di un membro di un esercito di una guerra imprecisata, narrata poi per diverse canzoni nell’album, il quale scopo è quello di uccidere non solo i disertori, ma chiunque esiti durante la battaglia.
Nonostante la sua totale crudeltà, lo stesso commissario è tormentato e vittima del sistema del quale fa parte, pur facendo il ruolo del carnefice.
Il brano ha delle influenze post-punk non troppo celate, con un giro di basso potente che si ripete per tutto il pezzo e la marcia militare campionata.
Per il resto presenta sonorità diverse e per niente 80’s, con un importantissimo ruolo del pianoforte a coda che gestisce tutta la dinamica del brano.Mentre il videoclip del singolo, come è nato e cosa vuole rappresentare?
Per “Commissario” volevamo fare un video di un certo impatto, allora abbiamo deciso di metter su una scena di tortura in un sottoscala, in modo da mostrare la “routine” del protagonista della canzone, accentuando ancora di più il suo lato psicotico e sadico.
L’interpretazione di Alessandro Carletti come la vittima, poi, è stata semplicemente da Oscar. Ha veramente un certo talento naturale come attore.Dopo “Commissario” ci sarà un nuovo videoclip in cui presenterete un nuovo singolo da “Fuga”?
Certo! Ne abbiamo diversi che bollono in pentola e ognuno di loro mostra un aspetto diverso della musica degli EGO 3.  Ci saranno singoli più rock e noise insieme ad altri più posati e cantautorali.

Gli Ego 3 e il fermento artistico marchigiano

Voi siete di Recanati, la terra di Musicultura; una delle Regioni che ha il più vivace fermento artistico. Che aria “respira” una band come la vostra?
Nelle Marche e nel nostro caso, nella provincia di Macerata e zone limitrofe (Anconetano sud e Fermano nord) ci sono diversi club e locali che propongono musica dal vivo di ottima qualità e originale, senza badare eccessivamente all’aspetto commerciale del tutto.

Si possono vedere facilmente almeno 3 o 4 concerti a settimana di gruppi che fanno la propria musica, che vengono spesso e volendo da altre regioni o da altri paesi.
Dall’altra parte però non ci sta un grandissimo interessa da parte di locali più piccoli verso i gruppi emergenti, che devono lottare per qualche apertura qui e la.

A Recanati spicca nell’underground La Tosse Grassa, progetto musicale di fama nazionale del quale tutti noi siamo fan e parte del “Culto”.

Il futuro degli Ego 3

Cosa c’è da aspettarsi dagli Ego 3 nei prossimi mesi? Bolle qualcosa in pentola?
Allo stato attuale stiamo cercando di fare qualche live nei festival musicali della zona.

Abbiamo registrato dei pezzi in studio recentemente, alcuni sono nuovi e per un futuro album, altri sono dei vecchi brani che suonavamo da tempo dal vivo, appartenenti al vecchio progetto musicale di Emanuel e Jonathan.

Nei prossimi lavori dopo Fuga, ci sarà un inasprirsi totale di sonorità verso un rock molto più potente che strizza l’orecchio a generi più estremi!

Siamo nell’era dei social media. Immagino che potremo trovare un pò di pagine social su cui raccontate delle vostre attività. Volete indicarci le coordinate? 
Certo!

FACEBOOK: https://www.facebook.com/3ego3/
YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCGUSpdC8shkP9CFesQSavGw
BANDCAMP:  https://ego3.bandcamp.com/
INSTAGRAM: https://www.instagram.com/3ego3/

Facebook è il nostro snodo principale per comunicare i nostri eventi e condividere i nostri pezzi, inoltre abbiamo diversi video live del gruppo sulla pagina, per chi fosse interessato ad approfondire quest’aspetto del gruppo!

Su youtube, che è un po’ la nostra vetrina, si possono trovare tutti i nostri video musicali e qualche live, mentre su instagram beh, pubblichiamo foto del gruppo!
Su bandcamp oltre a poter ascoltare il nostro primo album, si può acquistare la sua copia fisica (oppure digitale, se volete comunque supportarci) e ci sono informazioni più specifiche relative alla copia fisica del nostro album, ed eventuali futuri lavori e/o edizioni.Perfetto ragazzi, spero di risentirvi presto e vi auguro di farvi sentire a più persone possibili.
Sicuramente chi è alla costante ricerca di nuova musica vi ascolterà con piacere.
Alla prossima. Ciao e alla prossima!!
Salvatore Imperio

Salvatore Imperio

Share.

About Author

Comments are closed.

Close
Aiutaci a diffondere la musica italiana emergente
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.