web www.bikeco.it codice fiscale Net-Parade.it Snippet

MIE intervista i LAST 4 MINUTES

0
MIE intervista i LAST 4 MINUTES
Vota questo articolo

Ragazzi, è un è piacere poter far conoscere la vostra musica attraverso MIE.
Da chi è composta la band e cosa fate nella vita?

Innanzitutto grazie a voi, il piace re è tutto nostro. Allora, la band è stata fondata da Giacomo Jack Coppo (chitarra e backvocals), Alex Albu (voce e tastiere) e Alessandro Re (batteria), ai quali si sono poi aggiunti Leonardo Leo Coppo (basso) e Marco Rossello (chitarra e backvocals) per formare la line up definitiva.

Cosa facciamo nella vita?

Giacomo è un neo laureato e si occupa di digital e social media marketing in un’azienda di distribuzione commerciale, Alex è un personal trainer, Marco un elettricista professionista, mentre Leo e Alessandro sono studenti universitari…

Dalla vostra biografia ho notato che avete diverse influenze artische.
Componente per componente ci dite che musica i piace?

Non è proprio facile, ma in linea generale Alex, è l’anima pop, rap,e dance della band; Giacomo ama molto anche lui il pop, insieme ad R&B, soul , glam e hard rock. Leo è molto reggae, folk, pop rock. Marco e Alessandro invece sono l’anima dura della band, quindi metal, alternative, punk, hard rock, ma anche musica elettronica, progressive. Diciamo che però ci siamo ormai uniformati come gusti. La suddivisione fatta vale di più per la “predisposizione compositiva”. Artisti attuali come Bruno Mars, Maroon 5, Justin Timberlake, Ed Sheeran, Coldplay, One repubblic, Jack Garrat, più artisti come Prince, Lenny Kravitz insieme ai grandi gruppi anni 70 e 80, piacciono e ispirano tutta la band.

 Quali sono gli artisti che vi hanno più influenzato?

Se elenchiamo tutti gli artisti che ci hanno influenzato ci sarebbe un elenco lunghissimo. Diciamo che come detto precedentemente, attualmente ci ispiriamo a Bruno Mars, Maroon 5, One repubblic, Imagine dragons, Justin Timberlake, Lenny Kravitz, Twenty one pilot. Siamo molto pop rock.

Dal 2015 ad oggi vi siete fatti conoscere attraverso le esibizioni nei locali e attraverso i contest.
Che sensazione avete avuto mentre la gente vi ascoltava?

Calcolando che siamo proprio agli inizi, l’esito è stato sempre più che positivo. Quando prepariamo uno spettacolo cerchiamo di considerare cosa piace a noi, cosa piace alla gente e proviamo ad unire le due cose. Abbiamo sempre cercato di sprigionare più energia possibile e di essere originali, sia in termini di musica, sia in termini di immagine, osservando i vari artisti citati e le loro esibizioni in show di grande appeal. Ricordo che in una serata in una discoteca della zona, proprio su Rock girls, tutti i ragazzi presenti hanno iniziato a prendersi bene con il ritornello, e quando è arrivato il pezzo strumentale dance, sono letteralmente impazziti, come quando parte il ritornello di un remix… fantastico! Originalità, gusto, energia immagine, scelta della scaletta e arrangiamento di ogni brano, soprattutto le cover… questi sono i nostri punti da considerare nel preparare uno spettacolo 

Quanto sono importanti per la vostra band esibirvi dal vivo?

Noi siamo una band live. Vorremmo esibirci dal vivo ogni sera, perché dal vivo giochi realmente le tue carte, ti mostri per quello che sei e ti fai notare. E poi l’adrenalina, l’impatto, la realtà del palco… che spettacolo! Allo stesso tempo ormai non possiamo più prescindere dai social e dal digitale e bisogna pensare di gestire bene e con gusto anche queste realtà.

Facendo un resoconto dell’estate appena trascorsa, come è andata per i live della band?

Quest’estate abbiamo terminato a luglio i live con la partecipazione vittoriosa ad un contest. Abbiamo lavorato molto sul video e su altri progetti, per cui dopo di esso non ci siamo più esibiti. Potevamo essere più attivi, ma abbiamo dovuto fissare delle priorità

Vi faccio la stessa domanda che ho fatto a Massimo Silverio, artista che come voi spicca per le grandi potenzialità creative nel campo musicale: la musica è soprattutto comunicazione. Comunicare un messaggio attraverso una canzone, a volte, è più importante di discorsi chilometrici. Cosa ne pensate?

A volte basta un gesto,uno sguardo, una parola. Basta anche meno di una canzone.Il bello è che una canzone passa due tipi di messaggi: quello dell’autore, e quello degli ascoltatori. Si crea quindi una miriade di messaggi tutti diversi tra di loro… e sono proprio questi quelli che a noi piacciono: non tanto quello che noi volevamo dire, ma più che altro quello che gli altri hanno inteso. La canzone non è dell’autore: è di tutti.

Parliamo del vostro singolo “Rock Girls” che avete lanciato poche settimane fa attraverso il video ufficiale su Youtube e sulle piattaforme di distribuzione digitale. Che messaggi avete ricevuto da chi lo ha ascoltato?

Messaggi positivi. Non puoi piacere a tutti, è impossibile. L’importante è che ti venga riconosciuto che hai fatto un bel lavoro. Siamo molto soddisfatti. Dobbiamo solo lavorare per estenderne la visibilità.  E continuare a migliorare

Di cosa parla “Rock Girls”?

Sia il testo che il video di “Rock Girls”, raccontano in maniera ironica la personalità tipica della “Ragazza rock”. Completamente indifferente e distaccata dall’ambiente circostante, essa fa perdere la testa a chiunque le stia attorno semplicemente compiendo gesti di routine e di normale quotidianità.

Lei sta al di sopra di tutto e di tutti: tutto le è permesso e nulla a chi le sta intorno è concesso.

Per citare uno dei versi della canzone “…Delicious as cinnamon but can’t eat you at all…”

“…deliziosa come la cannella, ma che comunque non la riesci a mangiare…

Dopo il singolo ci sarà un album per i Last 4 Minutes?

Abbiamo in cantiere tante novità per il futuro imminente.

Visto che inziamo a parlare di futuro. Cosa bolle nella pentola della band?
Ci volete svelare cosa farete nei prossimi mesi?

Come appena detto, ci saranno presto nuove novità. . Abbiamo una serie di brani che meritano di essere spinti e valorizzati al massimo, il tutto seguendo un programma preciso quindi seguiteci su tutti i nostri canali… manca poco al prossimo step…

E’ stato un piacere potervi intervistare e sicuramente porterete tanta buona musica perchè siete portatori sani di energia.
Non posso che augurarvi il meglio e, mi raccomando, teneteci informati su quello che farete nel futuro.

E’ stato un vero piacere rispondere alle vostre domande, ci siamo divertiti… Rimanete connessi, non mancheremo di tenervi aggiornati!

Salvatore Imperio

di Salvatore Imperio

Share.

About Author

Comments are closed.

Close
Aiutaci a diffondere la musica italiana emergente
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.