MASSIMILIANO CUSUMANO: esce “ISLAND TALES”

0
MASSIMILIANO CUSUMANO: esce “ISLAND TALES”
4.9 (97.78%) 36 votes

Probabilmente è il primo disco ufficiale di inediti in studio per il chitarrista MASSIMILIANO CUSUMANO.

Esce “ISLAND TALES”. Sono 10 brani strumentali di matrice etnica. La Sicilia narrata attraverso la musica.

A seguire Cusumano che oltre alle chitarre suona sintetizzatori, troviamo anche Raffaele Barranca al Sax Soprano, Davide Femminino al contrabbasso, Nino Errera e Salvatore Barretta alle percussioni, Iano Anzelmo alla batteria e Doudou Diouf alle parti vocali. Un ascolto impegnato ed impegnativo. La rincorsa tra le immagini dipinte e quelle restituite dalla suggestione. Un viaggio.

L’intervista a Massimiliano Cusumano

Iniziamo proprio dal video di lancio. “Ballarò”. Il mercato di Palermo. Come nasce questo brano?

La storia portata in scena nel video, del bravissimo Walter Chiarello, racconta le contraddizioni della mia terra. La contrapposizione tra sogno e realtà, tra volere e potere. Non riuscire a vedere altre strade se non quelle già tracciate da altri è una realtà per alcuni ragazzi che non hanno la forza di affrancarsi da una vita che non lascia spazio ai sogni.

Arrendersi e lasciar perdere sembrano talvolta l’unica via percorribile. La sfida allora è proprio questa: riconquistare questo spazio, prepotentemente. Abbandonare i propri sogni non è mai la soluzione alle difficoltà della vita, non può e non deve esserlo.

In generale. Come nasce questo disco e il bisogno di raccontare la Sicilia in questo modo?

La Sicilia è una terra di chiaroscuri e di continue contraddizioni, come ho cercato di raccontare in “Ballarò”.In Sicilia e nei suoi abitanti convivono più anime: quella dannata, quella gattopardiana, ma anche quella votata alla bellezza e all’incanto.

La Sicilia con i suoi pregi ei suoi difetti è, e rimane, un racconto straordinario che merita quell’impegno morale e civile che riconosce il potenziale di una terra straordinaria.

Per farlo, però, la dimensione del sogno (e della speranza) deve rimanere vitale, permetterci di vedere e conoscere la bellezza. E la musica offre un’importante spinta in questa direzione.

Col senno di poi: il disegno è come volevi?

Probabilmente sembrerà scontato, ma ognuna delle tracce contiene qualcosa a cui sono particolarmente affezionato.Quasi tutte le composizioni nascono in momenti particolari. Penso che il denominatore comune a tutte sia il momento in cui mi allontano da me stesso, quando la mia attenzione si rivolge ad altro, al paesaggio, ai colori e ai sapori del luogo in cui vivo.

Ho immaginato delle storie cercando di commentare con la musica le diverse sensazioni che provavo.Il risultato finale è sempre migliorabile ma l’essenza è autenticae questo mi appaga.

Ma da compositore e da musicista: non pensi che un disco strumentale poi lasci libera interpretazione al pubblico? Come convivi con questo concetto? Cioè come reagisci a chi ti racconta altre visioni e sensazioni di un brano che tu invece hai scritto per quel determinato significato?

In realtà questo mi entusiasma. Mi dà un senso di libertà enorme e mi fornisce ulteriore stimolo alla composizione.

Mi incuriosisce la copertina: che cosa racconta?

Ti ringrazio per la domanda, mi dai la possibilità di citare e ringraziare ancora una volta il mio caro amico Vito Viola, pittore e fotografo. Sua è l’opera da cui è tratto un dettaglio usato per la copertina. Ho accolto subito la sua proposta, ho visto in questa immagine il senso della molteplicità e della mescolanza che vuole raccontare Island Tales.

Dal vivo “Island Tales”: come suona, quando e soprattutto si contamina della vita attorno o cerca di rispettare il disco così come lo ascoltiamo?

Con i musicisti che mi hanno accompagnato nelle registrazioni (Raffaele Barranca-sax, Iano Anselmo-batteria, Davide Femminino-contrabbasso), stiamo lavorando alla preparazione di Island Tales live. Le contaminazioni saranno inevitabili e anzi ben accette.

La redazione di MIE

Share.

About Author

Comments are closed.

Close
Aiutaci a diffondere la musica italiana emergente
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.