L’intervista all’autore di LADRO D’OSSIGENO, il capolavoro di PAOLO DI FRENNA

0
L’intervista all’autore di LADRO D’OSSIGENO, il capolavoro di PAOLO DI FRENNA
Vota questo articolo

Paolo Di Frenna, 46 anni, musicista e artista, ha scelto il nome di PDF per concretizzare il suo tardivo progetto di debutto discografico da cantautore.

PDF è acronimo del suo nome e cognome ma anche il formato di un file di una nota casa di software che più di ogni altro sistema ha reso compatibile e possibile la diffusione di testi e immagini nell’era digitale .

Nel 2017 ha pubblicato il suo LP “Ladro D’ossigeno” che si potrebbe paragonare ad uno scrigno che custodisce una grande poetica e che arriva all’obiettivo che si pone il cantautore: dare rilevanza e diffusione ai testi e alle suggestioni visive racchiuse nelle canzoni


L’intervista al cantautore di “Ladro d’ossigeno”.

Paolo è un piacere poterti ospitare su Musica Italiana Emergente e far conoscere l’anima di un interessante cantautore come te.
Il tuo ultimo lavoro “Ladro D’ossigeno” è album interessante per chi è alla continua ricerca di musica buona. Come è nato questo album?


Principalmente questo Lp nasce come un vero e propio lascito per mio figlio Angelo, e anche come una piccola rivincita verso le mie vicissitudini personali affrontate in questi anni.

È necessario però per me citare anche chi è l’ispiratore della nascita di tutto questo mio progetto discografico, la mia cara amica Sandra, scomparsa in un tragico schianto e apparsami in sogno spronandomi a realizzare questo mio primo lavoro solista.


La canzone che ha lanciato questo LP è “Le cose importanti”. Come è nata questa canzone e quale messaggio vuole donare a chi la ascolta?

Ero in un bar in attesa di andare in studio per proseguire le lavorazione del disco, e mentre sfogliavo una rivista di moda(che io personalmente non avrei mai aperto,ma vedi la noia che ti fa fare)lessi l’intervista di una ricca nobile, che alla domanda del giornalista, il quale le chiedeva quale fosse il proverbio più importante per lei, rispose con questo antico proverbio:”le cose importanti nella vita non sono cose”.

Il messaggio che voglio esprimere è quello di dare meno valore alle cose materiali, concentrasi maggiormente in valori spirituali della vita, prediligere i propri affetti e gustarsi le emozioni nella sua essenza.

“Le cose importanti” è accompagnata da un videoclip molto intenso. Ci sono stati elementi esterni o persone che hanno influito nella realizzazione?

Si,devo ringraziare il regista del video Andrea Duranti, che lo ha ideato totalmente. Ne abbiamo discusso a lungo e lui è riuscito ad estrarre l’essenza visiva delle mia parole.


L’anomalia del suo percorso artistico.

Nella tua biografia si legge che il tuo percorso artistico è stato, per molti versi, anomalo nel mondo della musica.Puoi spiegarci in che modo è stato “anomalo”?

È stato anomalo per tutti gli ostacoli e le sconfitte subite, le quali però non mi hanno fatto demordere dal mio obiettivo:esprimere la mia arte.
È da più di 13 anni infatti che faccio musica,tutto è iniziato con i miei storici gruppi  Frutteti Riarsi e Frükteti, con i quali ho calcato i palchi di tutta Italia ed Europa , un progetto che mi ha dato molte soddisfazioni.
Ho dovuto interrompere purtroppo queste esperienze ad un passo dalla svolta , e non sempre per causa mia, il tutto coincidendo anche con dei problemi nella sfera privata.
Finalmente, dopo una lunga pausa con la musica iniziata nel 2003, nel 2016 riesco a coinvolgere nel mio progetto la AphroditeRecords Label, che ha creduto fin da subito a ciò che avevo da dire.

I cammini artistici e le nuove frontiere.

Negli anni hai creato e percorso tanti “cammini artistici” segno di una grande vitalità di un’anima che si è donata all’arte. Ovviamente con l’avvento del web tante cose sono cambiate nella musica. Ma oltre a questo, ci sono altri fattori che secondo te hanno influito sul mondo della musica in Italia?

Si, le mie influenze artistiche non si limitano alla musica, poesia e arti visive sono un costrutto necessario alla mia sopravvivenza.
Penso che le nuove frontiere del web abbiano creato una libertà non più vincolata al mercato, ma nel contempo disperso molte energie, questo eccesso di offerta ha reso difficile individuare la qualità.

Nel tuo periodo di pausa dalla musica, ti sei dedicato all’arte con l’esposizione di quadri realizzati da te nella tua città. Com’è andata questa esperienza?

Ho ricevuto molti feedback positivi è vero, ma non ho mai preteso di essere etichettato come un pittore, l’esigenza di esprimermi in questo senso è nata dalla necessità di superare una delle più pesanti crisi depressive del mio percorso di vita. Mi ha aiutato ad uscirne avvicinarmi ai colori e perciò alla pittura, tutto ciò è stato integrato anche nella mia musica, infatti sul CD fisico di “Ladro D’ossigeno” è presente una mia opera pittorica di stampo materico.

Il ritorno alla musica di PDF.

Ora che sei tornato alla musica con questo album che consiglio vivamente perchè fa parte di quella musica che ti fa stare bene, continui a dedicarti anche  al mondo dell’arte o stai dedicando tutto te stesso alla musica?

Visto quante persone hanno creduto in me, e quante soddisfazioni mi sta dando ora la musica, ritengo che per il momento sia la via maestra da percorrere.

Siamo nell’era del web ed immagino che potremo seguire  il tuo percorso e la tua musica sui social. Puoi ricordarci dove possiamo trovarti?

Si io non sono così avezzo all’uso dei social, ma mi trovate su Facebook e su Instagram ai seguenti indirizzi:
https://www.facebook.com/PaoloDiFrennaOfficialPage
https://www.instagram.com/paolo.difrenna

E altre novità su di me al sito dell’ etichetta

www.aphroditerecordslabel.com


Bene Paolo, siamo in conclusione. Prima di ringraziarti per il contributo che stai dando alla musica italiana con il tuo “Ladro D’ossigeno” vorrei chiederti cosa bolle in pentola nei prossimi mesi.

Sto programmando alcune date live, cercando di riprodurre le sonorità presenti nell’LP, anche se non è facile visto la quantità di musicisti intervenuti, ma penso di essere riuscito a sintetizzare il mio suono, grazie ad alcuni ottimi musicisti che mi seguiranno dal vivo, poi è previsto un altro singolo ed un nuovo video che grazie alla produzione dei ragazzi di AphroditeRecords Label dovrebbe vedere la luce nei prossimi mesi.

Paolo, ti ringrazio davvero di cuore per averci fatto conoscere non solo la tua musica ma il tuo grande animo artistico. La tua musica fa parte di quella che la gente dovrebbe ascoltare perchè la ritengo, mi perdonerai il gioco di parole, una delle “cose importanti nella vita”.

Salvatore Imperio

Salvatore Imperio

Share.

About Author

Comments are closed.

Close
Aiutaci a diffondere la musica italiana emergente
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.