L’Ep di Bojana Krunic, in arte BOJ: Burning of Joy

0
L’Ep di Bojana Krunic, in arte BOJ: Burning of Joy
5 (100%) 2 votes

È uscito il 1 ottobre 2013 l’Ep di BOJ (al secolo Bojana Krunic), ma noi di MIE abbiamo avuto solo adesso il piacere di ascoltarlo e, conseguentemente, recensirlo.BOJ_Burning_Of_Joy

Ha qualcosa da dire BOJ, vuoi per la storia che si porta sulle spalle (i bombardamenti nella sua città natale: Belgrado; la fuga verso l’Italia), vuoi semplicemente per una spiccata e innata attitudine al canto e per una voce che non lascia certo indifferenti.

L’Ep, registrato, prodotto e arrangiato da Simone Momo Riva presso il TdE Studio di Aosta, contiene 6 tracce, una delle quali (Misunderstanding) è accompagnata da un videoclip promozionale, uscito in concomitanza al disco.

I brani sono tutti ascrivibili alla sfera di influenza del Nu-Soul, con variazioni di stampo Funky e R’n’B, tutti indistintamente carichi di quella forza che nasce dal particolarissimo timbro vocale di BOJ, che in alcune aperture ricorda la grinta e il furore di Amy Winehouse.

Si passa dalle sonorità travolgenti di brani come Don’t judge me e Bouche d’argent, alle atmosfere sornione di Wild party, fino ai brani di punta dell’Ep, come Misunderstanding e La, la, lies.

È un lavoro di facile ascolto: le sei canzoni scivolano via senza intoppi, lasciando all’ascoltatore la sensazione (e la certezza) di aver sentito della buona musica.

 

Gianluca Zanella

Gianluca Zanella

Share.

About Author

Comments are closed.

/body>
Close
Aiutaci a diffondere la musica italiana emergente
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.