MIE on line

La musica è indipendente

Dogs Love Company : “Cutina”

Dogs Love Company : “Cutina”
Vota questo articolo

Dicembre 2012 ed il finale col botto, quello dei Dogs Love Company che hanno presentato il loro album di debutto “Cutina”.

Un album caratteristico e caratteriale come la terra in cui sono nati: l’Abruzzo.

Cantano i luoghi e personaggi che hanno caratterizzato la loro vita musicale e non pieno di panorami, paesi incantati in cui il tempo si è fermato,i bar impregnati delle note di Victor Mazzetta e Danilo Di Giampaolo nelle serate tra amici.

Pubblicato da Music Force, etichetta abruzzese che dal settembre 2008  diventa anche Editore Musicale occupandosi direttamente di produzione e promozione discografica,Victor e Danilo si divertono e fanno divertire chi li ascolta, ma lasciano anche pensare come in “Cutina”, canzone che dà il titolo all’album, in cui parlano dell’elemento storico che ha rappresentato Catignano (Cutina) nella regione abruzzese  della deturpazione paesaggistica con gli ecomostri nati per profitto economico e dimostrano che una canzone d’amore non deve avere per forza protagonista una donna o un uomo, possono essere dedicate al proprio paese, alla culla in cui si nasce e al suo lento morire come accade nei piccoli paesi italiani.

"Cutina" su Itunes

Ci sono personaggi nel loro disco che sembrano quasi  alla ricerca di un autore come in “La polvere mi fa star male” in cui Di Giampaolo cita una poesia di Aldo Palazzeschi in cui parla di un uomo che, stanco della sua solita vita rinchiuso in casa, scende in strada ed in mezzo alla gente canta e balla.

“Metto una lente sul mio cuore

per mostrarlo all’altra gente..”

Ci sono canzoni che sembrano racconti , in cui i versi di Danilo Di Giampaolo e Victor Mazzetta sembrano prendere vita nella descrizione meticolosa di quello che accade in luoghi e paesi quasi isolati metaforicamente dal mondo che  non sono attraversati da una stazione o da un’autostrada, anche solo per far viaggiare con la mente i personaggi di “Al bar”.

In “Cutina” c’è anche una piccola perla musicale, come può essere il ricordo di una vita e della sua fragilità,  che può andar via quando meno te l’aspetti e che la voce con lo stile di un’onda del mare, quella di Danilo Di Giampaolo valorizza.

Danilo e Victor si definiscono due  avventurieri musicali che hanno avuto la fortuna di passare da una voce e una chitarra, strilloni avanti ad un bar inebriati dall’alcol, a musicisti che presentano il loro primo disco in un auditorium, come hanno fatto il 22 dicembre 2012.

Un album pieno di sonorità di versi e  musiche che descrivono e fanno vivere in prima persona gli ambienti, i luoghi e i paesaggi, impregnati di storia,  in cui due giovani musicanti, Victor e Danilo, sono cresciuti.

Salvatore Imperio

Close
Aiutaci a diffondere la musica italiana emergente
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.