Area Sanremo “Perché un politico dovrebbe giudicare un giovane artista?”

0
Area Sanremo “Perché un politico dovrebbe giudicare un giovane artista?”
Vota questo articolo

Luca Red, produttore discografico, lancia l’interrogativo su Le IENE Italia 1.

Qui il video del servizio de Le Iene

Nella puntata del 26 ottobre La Iena Sabrina Nobile accende i riflettori sulla commissione che seleziona i concorrenti per le Nuove proposte al prossimo Festival di Sanremo.

Tra i giurati di Area Sanremo spicca, insieme a grandi esperti del settore come Mauro Pagani e Stefano Senardi, la presenza di un componente con esperienza decisamente più politica che musicale: tale Maurizio Caridi (vice Presidente della Fondazione Orchestra Sinfonica di Sanremo, responsabile organizzativo del progetto Area Sanremo).

L’interrogativo parte dal produttore discografico Luca Red che intervistato dalle Iene dichiara: “Mi hanno segnalato questo nome che ha lasciato i miei ragazzi un po’ perplessi. In realtà si tratta di un politico. Perché deve giudicare un giovane artista?”.

Le Iene svelano che Caridi percepisce un compenso dal Comune di Sanremo senza per rivestire un ruolo per il quale non sembra possedere le giuste competenze: è un politico del Partito Democratico, che è stato nel Consiglio comunale di Sanremo, ed è un imprenditore nel settore del turismo.

Interrogato dalla Nobile per valutare la sua preparazione musicale Caridi oltre a non aver risposto correttamente alle domande si è difeso dichiarando che “ci vuole l’opinione di un uomo della strada” nella valutazione dei giovani artisti.

“Non ce l’ho con la persona, né col partito – precisa Luca Red – penso solamente che ogni forma di politica deve stare fuori da queste commissioni; il giudizio popolare di cui si è investito Caridi bisognerebbe lasciarlo a una giuria popolare appunto e non a una sola persona, che certamente non rappresenta il gusto della maggioranza”.

“Gli artisti spendono soldi, fanno sacrifici, lavorano per presentarsi al meglio a queste importanti e pochissime occasioni, e anche io come produttore lavoro 14 ore al giorno per poter presentare nuove leve e nuove idee. Quando scopro di essere giudicato da uno che non sa nemmeno chi ha vinto Sanremo l’anno scorso, allora come mi devo sentire?”

 

 

Share.

About Author

Comments are closed.

/body>
Close
Aiutaci a diffondere la musica italiana emergente
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.