A tu per tu con “The sun and the rain”, il primo album di Luca Zeni

0
A tu per tu con “The sun and the rain”, il primo album di Luca Zeni
5 (100%) 2 votes

copepiccola (1)Rock! Rock in tutte le sue sfumature, per gli amanti del suono nudo e crudo e per i fan della ballad; insomma ce n’è per tutti nel primo lavoro di Luca Zeni.

Già “The sun and the rain”, il titolo dell’album, sembra suggerirci questa sorta di divisione tra “hard rock” e “soft rock” che ascolteremo all’interno del disco; la musica parte e la sensazione è proprio questa: il sole sta a rappresentare l’energia del rock duro, la pioggerella invece la quiete dolcezza delle ballads. Sia ben inteso, non è certamente una divisione così netta come ve l’ho descritta, nella vita nessuna cosa è totalmente bianca oppure totalmente nera e dominano sempre le sfumature di grigio (non le 50 eh!), ma mi piace pensare che l’artista ci abbia riflettuto molto su questo “conflitto” al momento di incidere questi 7 brani.

10959866_576803719120476_5849644962330932358_n

Comunque sia, le due sonorità e le rispettive atmosfere che vengono a crearsi si mescolano a meraviglia. Le ballads soft rock a mio parere sono quelle che risentono di più di alcune influenze musicali: si va da “Goodnight” e “King of the liars” molto in stile Oasis dell’album “Be here now”, a Mr Wine in cui ho avvertito più di un omaggio a “Life on Mars?” di David Bowie, fino ad arrivare all’apice di quest’album rappresentato senza dubbio da “Toxic substance” in cui ho trovato un’ atmosfera da locus amoenus molto simile a quella della “Scientist” di coldplayana memoria. Ma la versatilità di Luca Zeni fa sì che anche i pezzi più hard siano veramente apprezzabili; e così in “Devil inside”, “You” e “Man with the forklift” la voce è graffiante e martellante, il sound è potente, aggressivo e in alcuni momenti di “quiete apparente” tocca anche qualche nota di grunge.

In definitiva, ascoltate “The sun and the rain” perché, da come ve ne ho parlato, avrete capito che merita, in più quest’album pur essendo “made in Italy” può vantare un sound decisamente internazionale e il che, guardiamoci un pochino intorno, non è roba da tutti!

Alessio Boccali

Alessio Boccali

Share.

About Author

Comments are closed.

Close
Aiutaci a diffondere la musica italiana emergente
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.